wholesale jerseys from china He is a property manger

I mean, y’all can try all y’all want, but that’s what we’ve got. I mean, I don’t know what to tell you. I’m just thank you. But that not him and it not his style. Never has been, never will be. I wish Rodriguez well. The airport served 45.7 million passengers, an 8 percent increase 3.4 million more passengers than in 2015. The 8 percent passenger growth rate is Sea Tac second largest in the past 20 years, only topped by 2015 12.9 percent increase. International travel also increased in 2016 11.1 from 2015.

wholesale jerseys from china He is a property manger. Tim has everything you could think of. He said, “When I bought that ship I spent the next 7 years of money I had to buy memorabilia. Sessions will happen every Thursday starting today and running through April 14th, except for Saint Patrick Day (March 17th). Anyone who is interested can walk in between 3pm and 8pm, no appointments are required. Before you head to one of the sessions, make sure you have all of the right documents with you.. wholesale jerseys from china

Cheap Jerseys free https://www.cheapjerseysonly.com shipping The three door Hyundai Veloster is quite a sporty little coupe, with decent handling, a funky design, and more available gizmos than you can shake an iPad at. However, the current direct injection, 138 horsepower 1.6 litre engine skews more to the frugal end of the graph. It’s a gas sipper, not a barn burner. Cheap Jerseys free shipping

cheap nfl jerseys But there she is, eyeballing you from the car. On Tuesday, Sept. 5. Like this one a lot, Keaveny said holding up a colorful piece of art from Freedom Middle School, oil derricks are very common in Bakersfield, but then they tied it in with Active and kids skating on oil derricks. We talked to said they aren surprised the cheap nfl jerseys contest is a hit. They say skateboarding and art are one in the same.. cheap nfl jerseys

Cheap Jerseys from china The Elmira College women’s ice hockey team’s game against SUNY Cortland on Saturday, November 15th will be special for two reasons. Not only is it EC’s 2014 15 home opener but it is also Elmira’s annual Pink the Rink game. There will be multiple fundraising efforts at the game, with all proceeds being donated to the Susan G. Cheap Jerseys from china

wholesale nfl jerseys If there’s brush or other debris on the roads then we’ll take a look at that and under our current ordinances will clean those areas up. Our Environmental Service Officers have been in that area previously to help residents with clean ups and to better understand where they can take their excess waste and debris. We can reinforce those efforts going forward. wholesale nfl jerseys

cheap jerseys His kids. The ones with Down’s syndrome who Chase has coached and helped teach how to play hockey. They held signs such as “Thanks Kelly” and other words of encouragement. Yesterday there were twice as many red jerseys here than there are when Wales are playing a Test. It is as well the roof was closed because more of them would have probably arrived by abseil, parachute and hot air balloon. Biarritz knew what to expect but they were still engulfed.. cheap jerseys

wholesale jerseys At Lowes Home Improvement Store in Somerset. From left are Brownies, Larrissa May, Ashley Jones, Bethany Benning and Keri Friedline. Troop leaders are Betsy Benning and Tracey O’Baker. It takes a village to produce a program this lousy.It takes, for example, a school administration that has made Spingarn a place where parents don’t want to send their kids. A recent report in the Washington Post showed that just 17 percent of Spingarn students passed the math exam and 19 percent passed the reading exam in standardized tests given at all DCPS schools. Those are among the worst numbers in the city.And it takes athletic administrators who do nothing to help the football coach get any players, then fire the coach every few seasons for not winning enough. wholesale jerseys

wholesale nfl jerseys from china Jestem 34 niegoraca kobieta. Potrzebujaca blyskawicznego seksu. Bardzo lubie sie bzykac wszedzie dokad jestem. It was the first time I’d met Maria in person, though I had spoken with her once on the phone a few weeks after her rape.She watched the movie intently. I could see tears gathering behind her glasses and her hands trembling. A few weeks later, she agreed to go back with me to the scene of her attack wholesale nfl jerseys from china.

Un aiuto in sospeso: al via la raccolta di articoli scolastici con Caritas ed Eliotecnoservice

«Ancora oggi uno dei compiti più importanti della scuola dell’istruzione di base è di permettere la piena e viva partecipazione di tutti i bambini e i ragazzi alle attività educative previste senza distinzioni sociali di sorta. Almeno nella possibilità di far frequentare dignitosamente le lezioni ai nostri figli dovremmo poter contare di avere le condizioni sufficienti affinché siano tutti uguali sui banchi di scuola.Cheap NFL Jerseys Ma sappiamo anche quanto oggi questo sia spesso difficile e lo sanno soprattutto quelle tante famiglie che non riescono a rispondere alle necessità dei propri figli se non a costo di grandi sacrifici. Anche per poterli mandare a scuola. Sono tante infatti le famiglie che vivono nella costante preoccupazione di non perdere quelle poche certezze rimaste o che sono già entrate in uno stato di povertà». Lo rileva  in una nota la proprietà del negozio Eliotecnoservice.

«Come gesto concreto  – continua la nota – di solidarietà, in prossimità dell’avvio del nuovo anno scolastico, per le esigenze della dotazione scolastica di base di bambini e di ragazzi delle scuole elementari e medie, si rinnova per il 2° anno consecutivo la nostra iniziativa “Un aiuto in sospeso”. Grazie alla generosità di tante persone, dopo gli ottimi risultati dello scorso anno, x materiale fornito a n persone, viene riproposta la formula già best online casino ampiamente collaudata della collaborazione con la Caritas diocesana di Trieste attraverso il suo “Emporio della Solidarietà” di via Chiadino 2, una realtà che si occupa di reperire e distribuire beni di prima necessità».

«Aderire – spiegano –  all”iniziativa “Un aiuto in sospeso” è molto semplice. Presso il nostro punto vendita “Eliotecnoservice” di via Vidali 3, per chi lo desidera è possibile acquistare da una lista scelta di prodotti di qualità a prezzi vantaggiosi oltre che per se, degli articoli scolastici per farne dono agli studenti delle scuole elementari o medie. Quanto raccolto verrà poi inviato all’Emporio della Solidarietà di via Chiadino 2, che avrà cura di distribuirli secondo i bisogni rilevati delle famiglie con figli in età scolare che si rivolgono al Centro di Ascolto della Caritas di via Cavana 15, o presso le Parrocchie che sostengono l’attività dell’Emporio della Solidarietà. Noi stessi dell”Eliotecnoservice contribuiremo alla campagna di raccolta aggiungendo all’ammontare complessivo un ulteriore 10% di prodotti».

«L’attenzione alle esigenze dei bambini e ragazzi – conclude la nota – , il sostegno concreto alle famiglie svantaggiate, la corretta informazione sull’entità di quanto raccolto e sua destinazione, la riduzione degli sprechi, la cortesia di un gesto partecipe e una sensibilità che non costringe le famiglie a esibire dolorosamente le proprie difficoltà: sono alcuni dei risultati che la nostra iniziativa si ripromette di raggiungere.
Persone, singoli e famiglie, che aiutano altre persone a vivere la vita di ogni giorno nella nostra città».

Fonte: http://www.triesteprima.it

I also want to do it too

The event having taken this serious louis vuitton damier graphite turn, the first duty of the Lieutenant Criminel (according to the French buy chanel shoes law) was to send for the servant on whom suspicion rested, barbour outlet to question her, and to confront her with the Duparcs. He air jordan 13 retro did nothing of the kind; he made no inquiry after the louis vuitton carry on luggage servant (being probably unwilling to expose his colleague, the Procurator, who moncler ski had illegally arrested and illegally imprisoned her); he never examined the christian louboutin bergdorf kitchen utensils which the Commissary had locked up; he never opened cheap retro nba jerseys the servant s cupboard with the key that had been taken from christian louboutin low heel her when she was searched in prison. All he did was kate spade accessories sale to reduce the report of the doctors to writing, and to louis vuitton shoes for men return to his office with his posse comitatus at his heels..

Cheap Jerseys china See him ballin, I also want to do it too. It of kind of like we always heard about safeties not stepping up to the plate, or DBs period. That kind of put a chip on our (shoulders) as well, Clinton Dix said. FILE This Sept. 29, 2016, file photo, shows a section of the wholesale nfl jerseys Dakota Access Pipeline under construction near the town of St. The Army has notified Congress Tuesday, Feb. Cheap Jerseys china

cheap jerseys Its Oct. 17 game at home against Penn State is No. 10. Any touchdown is special for a defensive player. This one might have been extra sweet for Greenway. In a career that is winding down, the 32 year old had 24 family members and friends at Sunday’s game, the most he has ever had. cheap jerseys

wholesale jerseys New focus: The latest entrant in club soccer, Zee showed interest in another Kolkata club, Tollygunge, and threw its lot in with the big business backed Indian Premier Football Association. Not only do the clubs have to pay the transfer fee, the player’s salary and perks but also Rs 15,000 to the AIFF for every overseas player registered. With sponsors proving hard to find, it is a financial tightrope that is getting increasingly difficult to walk. wholesale jerseys

cheap nfl jerseys The popularity of bets on events other than horse race, greyhound race or athletic event took off in Nevada on 2011, when the Nevada Gaming Control Board approved a series of wagers on the World Series of Poker. Regulators since then have approved betting on Heisman Trophy winners, e sports events and a handicapping championship, among others. During the Super Bowl,. cheap nfl jerseys

wholesale nfl jerseys This week’s Democratic primary in West Virginia highlighted that. Fewer than 20 percent of Democratic primary voters in the state identified as “very liberal,” according to The https://www.cheapjerseysonly.com Washington Post, yet Senator Sanders a self proclaimed democratic socialist who has been further left than any presidential candidate this election won handily. He even won over half of Democratic voters who said they want the next president to be more conservative than President Obama.. wholesale nfl jerseys

Cheap Jerseys from china Buck’s expulsion from G Unit started out pretty amicable, at least in the sense that nobody got shot in the ass outside a radio station. “My Interview,” Buck’s first track addressing the story, is as much a mea culpa as it is a dis: “I do make mistakes like any other man / Shit, I recoup off an album quicker than you can,” meaning Buck knows he’s kind of a fuckup but thinks 50 should keep him around because he’s still capable of making money. That’s basically what Buck says in this video, taken from some live show Buck did. Cheap Jerseys from china

Cheap Jerseys free shipping Sites have continued to grow in the last twenty years in our region, as archaeologists find artifacts dating back several thousand years. Archaeologist Frank Craig says “There are 24 recorded archaeological sites within the municipality of Prince George.” Our region is known to be riddled with culture depressions that were once used to store materials. Sometimes within those depressions artifacts are found and archived. Cheap Jerseys free shipping

wholesale jerseys from china Hence, high demand from the pharmaceutical industry especially from the countries such as China and India has led to high demand for N Methyl 2 Pyrrolidone in the region. North America and Europe are expected to experience steady demand for NMP due to the stringent policies of the government in the regions. However, NMP is expected to experience demand from other regions such as Middle East Africa and Latin America from applications such as Paints Coatings and agrichemicals in the regions wholesale jerseys from china.

Drivers know their own job is under threat

Drivers know their own job is under threat. London Overground removed conductors in 2013 14. Reports from staff suggest there is now testing of driverless train technology. The moves are the check (a/k/a “magic hop” in some Vogelsinger videos); the simple cut/explosion using the outside of the dribble foot; and the chop (cut with the inside of the foot). Knee over the ball; front of dribble foot pulls the ball along so it stays on/near the foot at all times), they can learn to beat a reasonable number of defenders especially if those defenders are coming in at speed. He wants to give some tips and training through his writings to youth.

wholesale jerseys Was committing fraud. He was doing unnecessary work to her teeth that didn need to be done, Squier continued. Was taking advantage of a little girl. The preparatory behaviors in routines are excellent methods to help you focus on one shot; one pitch; or one sports specific act at a time and are extremely useful tools to refocus attention when distracted as I discussed in the January 2005 newsletter. The pre performance routine is a merging of mental and physical steps that blend into one long behavior. The preshot routine combines physical actions (such as a practice swing) and specific thoughts or wholesale jerseys images (visualizing the shot, focusing on the target, and mental cues to trigger the start of your performance such as the image of the target in your mind). wholesale jerseys

Cheap Jerseys free shipping This means more income from your efforts. The key feature of your modern bathroom is it provides elegance within a confine space. Technology also plays a role in pushing teens further than ever before. There was never a question of whether or not Slater would be involved in “The Public,” he said. He first read the script 10 years ago, eager to work with a director he described as “a great, talented guy,” and said its story rings just as true in 2017 as it did in 2007.”It feels like the timing on this could not have been more perfect,” he said. “Essentially, this is an occupy film. Cheap Jerseys free shipping

cheap jerseys What we getting our hands around right now, Wistrcill said. Think $300,000 is partly right, but my expectation is that it would get better as it goes along, because we won have the start up costs. Our hope is that the deal is finalized in the next 30 days. cheap jerseys

Cheap Jerseys china FILE In this Oct. 9, 2016, file photo, New York Giants’ Landon Collins, left, and Green Bay Packers’ Ha Ha Clinton Dix exchange jerseys after an NFL football game in Green Bay, Wis. The Crimson Tide tinted friendship of Landon Collins and Ha Ha Clinton Dix will be tested on Sunday at Lambeau Field. Cheap Jerseys china

cheap nfl jerseys A narcissistic leader will emotionally inspire us to work hard together for a group “cause,” even though that leader may be a complete idiot. It takes a while to find out which leaders are effective in which times, and which ones are extremely off base. The time it takes to figure this all out is much longer than the time it takes to appeal to us emotionally. cheap nfl jerseys

Cheap Jerseys from china McCarthy guided the Packers to a 10 6 campaign in 2010, highlighted by seven wins in the final 10 games. What made Green Bay’s championship https://www.cheapjerseysonly.com season even more impressive was the adversity the team faced due to injuries. The Packers finished the year with 15 players on injured reserve, and eight of them had started at least one game during the season. Cheap Jerseys from china

wholesale nfl jerseys from china The company is on target, but so are the death rates. Some twenty years after that early addiction set in, new studies show that one third of Chinese men currently under 29 years of age will die prematurely due to a tobacco related disease. Of the 8.4 million tobacco deaths that will occur by 2020, seven out of ten will occur in the developing countries.. wholesale nfl jerseys from china

wholesale nfl jerseys 12. Oklahoma the granddaddy of them the first musical with depth and psychological complexity is as fresh as when it was created by the genius of Rodgers and Hammerstein. All songs are great from “OhCheap Jerseys Wholesale, What A Beautiful Mornin” to the rollicking “The Surry with the Fringe On Top” to the beautiful “Out of My Dreams” and the bitter “Lonely Room” wholesale nfl jerseys.

Completata la pulizia delle scritte alla Caritas, Don Amodeo: “il razzismo si combatte con la cultura”

Circa una cinquantina di persone si sono presentate stamane davanti alla porta d’entrata Caritas per pulire le scritte razziste apparse una decina di giorni all’esterno della struttura di via dell’Istria. Armati di tutti gli strumenti del caso, spugnette, pennelli e vernice, i partecipanti sono messi al lavoro dopo le 9.

Don Amodeo, direttore della Caritas, riferisce che «Sono un po’ preoccupato dal clima di razzismo e intolleranza diffuso in città in questo periodo. Non passa giorno che non si sentano notizie allarmanti, come la creazione di gruppi di cittadini che si auto-creano contro l’accoglienza e contro i profughi stessi. Il tutto è destramente delicato e meriterebbero delle ulteriori riflessioni. Mi preoccupano queste persone che pensano di poter affiancare con tanta facilità le Forze dell’Ordine o farsi giustizia da soli, di fatto non rispettando spesso le vite di questi giovani richiedenti asilo che hanno già avuto nel corso della loro vita una notevole serie di disgrazie e che soprattutto, va detto, non verrebbero qui se stessero tanto bene a casa loro. Questo non è un orientamento serio che andrebbe in uno spirito civile di accoglienza, ma è un orientamento puramente atto a ergere barricate, creando paure finte e creando clima che non c’è, mi sembra un momento delicato».

A domanda se sia necessario un Concilio Vaticano straordinario su questa tematica, Don Amodeo è piuttosto chiaro «Il Concilio Vaticano II, fatto alla fine degli anni ‘60 ha già fatto amplissimo risalto a quello che è l’accoglienza ed il vivere cristiano nel mondo. Ulteriormente in questi ultimi 40 anni la Chiesa la sviluppato una linea di incontri e consulte che vogliono mettere in atto i principi del Concilio Vaticano II. Un nuovo Concilio Vaticano su tale argomento quindi, non è necessario. Semmai attuassimo in pienezze, in totalità tutto ciò che è stato deciso nel l’ultimo Concilio Vaticano, avremmo già fatto un grande lavoro. Ovviamente la Chiesa è anche figlia del suo tempo, vive e si sviluppa nel tempo. Il tempo dunque non è una cosa negativa ma è anche quel momento di crescita sia per la riflessione con le altre religioni che per quella inter-ecclesiale»

«Il futuro è questo, non esiste più la stabilità del luogo – conclude Don Amodeo – , abbiamo sempre vissuto nelle emigrazioni, i popoli si sono sempre mossi nella storia dell’umanità. A parte questi profughi che si muovono a piedi, ma pensiamo a quanti si muovono e si spostano in autobus, in treno, in aereo. È chiaro che il mondo cambia ed evolve, i trasporti hanno un costo sempre minori, i confini vengono sempre più ridotti, basti pensare che 40 anni per andare a Capodistria ci volevano 3 documenti e un’ora di fila alla frontiera, ora nulla: è l’evoluzione così come lo sono le persone della società»
«Per combattere il razzismo – conclude Don Amodeo –  l’arma più forte è la cultura: leggere, viaggiare, confrontarsi, parlare e purtroppo questo manca perché il razzismo ha come fondamento la non cultura, la non conoscenza ed una paure che non è fine a se stessa ma alimentata dall’ignoranza. Coloro che ergono muri o suscitano paure nei confronti dei cittadini in fondo in fondo sono persone che non hanno costruito nulla su di loro. Il confronto può essere pericolo e nbso online casino reviews delicato, però su questo Voltaire è stato piuttosto significato ed emblematico con una sua celebre frase “Disapprovo quel che dite, ma difenderò fino alla morte il vostro diritto di dirlo”. La società civile, dunque è la società che si confronta, che cerca, che sperimenta, che studia nuove strade, Oggi vediamo molto spesso che tutto questo non accade, per cui penso che la cultura possa essere un antidoto fondamentale all’ignoranza».

Tra i presenti il parlamentare triestino Aris Prodani che riferisce «è importante che la cittadinanza replichi all’increscioso atto compiuto presso la sede della Caritas che, va ricordato, da un servizio non solo agli immigrati ma a tutti coloro che ne hanno necessità, triestini compresi. Il gesto compiuto è intollerabili per cui è giusto essere presenti oggi a manifestare la propria contrarietà con un gesto attivo come lo è quello di pulire le scritte».
Andrea Rodriguez, che con Alen Domancic e Igor Longhi hanno creato questa iniziativa riferisce che «la manifestazione di oggi era importante sia per pulire le scritte odiose, ma aveva anche un significato simbolico di presa di distanza della cittadinanza dall’increscioso atto. Di concreto ulteriormente c’è la raccolta di vestiti, indumenti e alimenti non deperibili che sta andando piuttosto bene. L’iniziativa è nata per caso, in quanto sia io che Alen (Domancic) avevamo pensato di proporre un evento per dimostrare la nostra contrarietà a quanto successo, ma al contempo realizzare una manifestazione che desse un contributo effettivo, come poi lo è la pulizia delle scritte e la raccolta per i più bisognosi».

Tra i presenti, alcuni esponenti della Casa delle Culture, l’avvocato Alberto Kostoris a titolo personale e diversi cittadini, venuti a conoscenza dell’iniziativa tramite Facebook. Nessun esponente politico presente ad inizio manifestazione.

Fonte: http://www.triesteprima.it
Credits foto: Luca Marsi per Trieste Prima

Giornata internazionale della carità: Caritas Italiana pubblica una raccolta di preghiere dei suoi operatori

A ridosso dell’ “International Day of Charity”, Giornata internazionale della carità, nel cammino di avvicinamento al Giubileo della Misericordia, Caritas Italiana pubblica “per Carità”, una raccolta di preghiere scritte dai suoi operatori, per sottolineare la dimensione contemplativa dell”incontro con i poveri.

“In tutto ciò che facciamo – si legge nella prefazione – abbiamo spesso la sensazione di essere sovrastati dai bisogni, dalle sofferenze, dal dolore, dalle richieste d’aiuto…Siamo tutti comunque consapevoli di dare spesso solo un piccolo segno di carità, un gesto quasi impercettibile. Ed è per questo che a nostra volta chiediamo aiuto, imploriamo la carità alla Carità. Lo chiediamo con parole nostre, semplici, dirette”.

La Giornata internazionale è stata istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite nel dicembre 2012 per affermare come “la carità può contribuire alla promozione del dialogo online casino tra persone di diverse culture e religioni, come pure la solidarietà e la comprensione reciproca”.

La data scelta, il 5 settembre, commemora l’anniversario della morte nel 1997 della beata Madre Teresa di Calcutta, Premio Nobel per la Pace nel 1979, «la cui vita e le opere buone per alcuni dei più poveri e più vulnerabili membri della famiglia umana sono un’ispirazione e un esempio enorme», ha ricordato il Segretario generale dell’ONU Ban Ki-moon. Nell’occasione le Nazioni Unite invitano tutti gli Stati membri, le organizzazioni internazionali e regionali e la società civile a celebrare questa Giornata in maniera appropriata, incoraggiando gesti di carità e di beneficenza, attraverso l’educazione e attività di promozione e sensibilizzazione.

“Ecologia integrale”. Dossier Caritas su cura del creato e sfruttamento dell’ambiente

Alla vigilia della 1ª Giornata Mondiale di Preghiera e della 10ª Giornata Cei per la Cura del creato (1° settembre 2015), riprendendo le sollecitazioni della recente Enciclica “Laudato si’” di Papa Francesco, Caritas Italiana pubblica un nuovo Dossier, dal titolo “Ecologia integrale. L’industria estrattiva mina sempre più ambiente e salute delle comunità locali”, dedicato in modo particolare al tema dell”ambiente e alla situazione che vive la Repubblica del Congo in Africa.

Nel documento si ricordano le condizioni ambientali della Terra con l”innalzamento costante delle temperature, il depauperamento progressivo degli ecosistemi, l”aumento dei disastri naturali del 470% negli ultimi 30 anni e la devastazione di intere comunità. «A livello mondiale sono ancora una volta i più i poveri – afferma il Dossier – a pagare il conto dei cambiamenti climatici e dell’inquinamento».

Come per i precedenti Dossier, un focus è dedicato in modo particolare alla situazione di un Paese del mondo, la Repubblica del Congo, che vede l’avvelenamento di ambiente e persone ad opera delle compagnie petrolifere presenti nel paese. Questa situazione è «specchio di un modello di sviluppo globale insostenibile, ingiusto, violento». «Vi è una responsabilità imprenditoriale e politica – prosegue il documento -, incurante dell’impatto sociale e ambientale delle attività estrattive e dei sistemi produttivi. E una responsabilità individuale e collettiva nell’alimentare la cultura consumistica. Occorre una profonda revisione degli online casino stili di vita e un incisivo impegno civico nel sollecitare imprese e governi a un deciso cambio di passo». Nel testo si ricorda poi l”impegno della Chiesa congolese, attiva su diversi fronti a difesa della popolazione locale, attraverso la commissione Giustizia e Pace e l’ufficio della Caritas.

Più volte inoltre negli ultimi anni Caritas Italiana ha dedicato degli approfondimenti alle condizioni ambientali, ai cambiamenti climatici e alle loro ripercussioni sulle popolazioni, non solo in termini economici, ma anche sociali come ad esempio nella ricerca sui conflitti dimenticati “Nell”occhio del ciclone” (2009), la cui nuova edizione sarà presentata l”11 settembre prossimo a Milano.

Il Dossier, l”ottavo pubblicato quest”anno, segue quelli già disponibili interamente on-line, che approfondiscono i temi della crisi in Grecia, del conflitto in Siria, della condizione dei carcerati ad Haiti, dello sfruttamento lavorativo in Asia, della condizione giovanile in Bosnia ed Erzegovina, dell”immigrazione a Gibuti e dei cristiani perseguitati in Iraq.

Migranti: emergenza umanitaria nell’Est Europa

Mentre continua il flusso dei migranti provenienti dal Nord Africa attraverso il Mediterraneo, assume dimensioni drammatiche lo spostamento di migliaia di persone lungo la nuova rotta migratoria che dalla Turchia si snoda per centinaia di chilometri attraverso Grecia, Macedonia, Serbia per arrivare in Ungheria, con lo scopo di cercare asilo e protezione in Europa dall’inasprirsi della guerra in Siria, dall’instabilità politica e dalle sistematiche violenze. Sono soprattutto siriani, iracheni e afghani, tra cui molte donne e bambini, i rifugiati che stanno percorrendo la strada della speranza per arrivare nei paesi dell’Est Europa che colti di sorpresa sono sprovvisti di programmi di accoglienza specifici.

Beyan è una delle tante persone incontrate dai volontari Caritas, che attualmente vive nel parco di Belgrado mentre aspetta un autobus che la porti al nord, ma gli autobus sono pieni. L’obiettivo è di raggiungere Horgos, una città di confine che ora è diventato un grande campo rifugiati. Da lì Beyan cercherà di attraversare il confine per aggiungersi alle oltre 66.000 persone che secondo l”Alto commissariato dell”Onu per i profughi (Unhcr), hanno richiesto asilo in Serbia in questi ultimi mesi, di cui 4.000 minori non accompagnati.

Leggi l”approfondimento sulle situazioni nei vari paesi (.pdf)

“Un’emorragia continua perché la comunità internazionale resta inerte e non affronta le cause a monte di questa tragedia umana” sostiene don Francesco Soddu, direttore di Caritas Italiana. Una crisi umanitaria che va affrontata come tale.

Le Caritas dell’Est Europa con il sostegno di tutta la rete europea si sono attivate per cercare di portare aiuti a questa marea umana priva di tutto: generi alimentari, acqua, materiale per l’igiene, casino online pannolini per i neonati, ma soprattutto una parola di conforto nei tanti bivacchi di fortuna che si incontrano nelle città di questi paesi. L’inverno è alle porte e occorre un’azione tempestiva e generosa per accogliere e assistere con dignità questi rifugiati.
Non basta tuttavia la sola solidarietà, occorre agire politicamente e servono soluzioni durature e rispettose dei diritti di coloro che fuggono dalle guerre. L’Agenda europea sull’immigrazione, presentata dalla Commissione europea lo scorso 12 maggio, anche se contiene novità nella gestione del fenomeno migratorio, è lontana dal proporre soluzioni efficaci e condivisibili.

Caritas Italiana ha elaborato, insieme alle altre principali organizzazioni di tutela dei migranti (fra cui l’Unhcr), alcune proposte, tra cui l’apertura di canali umanitari di ingresso verso l’Europa; l’impegno dei paesi europei ad accogliere un numero significativo di rifugiati con quote di reinsediamento; la creazione di alternative legali (riunificazione familiare, sponsorizzazioni private, visti di lavoro o di studio) per evitare che le persone bisognose di protezione internazionale ricorrano a pericolose traversate; la  ripartizione della responsabilità rispetto agli arrivi, per evitare che pochi paesi (Grecia, Germania, Italia, Svezia e Ungheria in testa) ricevano la gran parte delle richieste d’asilo. Si auspica infine il superamento del Regolamento di Dublino, come ha appena annunciato la Germania, per garantire una corretta gestione dei flussi migratori.

CARITAS TRIESTE

Dal 1971 la Caritas promuove la “carità” all’interno della comunità cristiana.

Questo si traduce quotidianamente in concreti interventi di Volontariato, sia in Italia che all’Estero, volti al Sostegno, all’Assistenza e allo Sviluppo umano e sociale.